fbpx

come si sono formate le alpi

Come si sono formate le Alpi? Si viene così a formare una grande zona di taglio, che in seguito prenderà il nome di lineamento Periadriatico, e che andrà ad accomodare le tensioni di taglio destro della catena. Bull Geol. Le Alpi sono la catena montuosa più importante d'Europa, situate nell'Europa centrale a cavallo dei confini ... Dove si trovano e come si sono formate le Alpi, Direttore: Silvia Calandrelli Visibile sul canale 146 del digitale terrestre e sul 33 di Tivusat, L'iniziativa rientra nel programma Ufficiale & Piccardo G.B., (1971) - structural features of the ligurian ophiolites: petrologic evidence for the "oceanic" floor of northen Apennines geosyncline. Sci. Mineral. Nel tardo Cretaceo avviene la prima collisione continentale tra la placca Apula ed Europa. Il bacino della Molassa è delimitato a nordovest dal Massiccio del Giura, una catena fold-and-thrust esterna, che può essere considerata geologicamente come una parte delle Alpi. Geologicamente la suddivisione delle Alpi è definita considerando la posizione dei suoi maggiori elementi strutturali rispetto alla principale lineazione tettonica ben riconoscibile a scala regionale; si tratta di una linea di sutura (zona di taglio) chiamata Linea Insubrica o linea Periadriatica, sviluppata con orientamento prevalente est-ovest attraverso tutte le Alpi. Spesso le persone chiedono come si siano formate le montagne, quali sono stati i processi che hanno portato alla creazione di questi magnifici paesaggi. 11 Quali sono i vulcani attivi in Italia? LE ALPI. Per poter meglio inquadrare il metamorfismo alpino è necessario suddividere l'area nelle quattro falde alpine. Il punto di sutura, in base a quest'ultimo modello, è quindi da ritenersi al fronte delle unità pennidiche. Si conclude quindi la principale fase collisionale della formazione delle Alpi. Le rocce della falda austroalpina hanno la maggior parte dei propri affioramenti nella parte orientale della catena, mentre nella parte occidentale questi strati sono stati perlopiù erosi (ad eccezione del Dent Blanche e della zona del Sesia). 8 Quando si sono formate le pianure? Lo studio della formazione delle Alpi è iniziato agli albori della geologia moderna. Viene riconosciuto e documentato inoltre da Dal Piaz un evento metamorfico ad alta pressione nelle Alpi occidentali. GLI APPENNINI. 9-apr-2018 - Come si sono formate le montagne - l'origine delle montagne Le facies principali sono: anfibolitiche ad ovest ed a scisti verdi ad est. Nello stesso periodo avvenne anche un'estensione crostale, causata dall'instabilità isostatica della catena montuosa. Ist. Geol. O.A. 3-ott-2016 - Come si sono formate le montagne? Così anche il lago George, a nord-est delle Alpi, pare sia stato bloccato da una faglia stendentesi fra nord e sud che tagliò le acque del fiume Yass. Schweiz. La catena montuosa delle Alpi europee è costituita da trentotto cime che superano i quattromila metri di altezza. L’orogenesi alpina si è … Petr. France, 108p. Come resultato dell'elevazione di questi horsts, avvenuta nell'epoca pleistocenica, vi si sono formate valli giovanili. Nature, 239, 202-204. Nella zona della serie dei laghi troviamo inoltre alcune aureole di contatto. Termier P.,(1904) - Les Nappes des Alpes orientales et la synthese des Alpes. Un'ipotesi sulla sua formazione è una risalita tettonica del graben del Reno. Le Alpi continuano in modo più o meno uniforme nelle adiacenti catene montuose: gli Appennini nel sudovest, le Dinaridi nel sudest e i Carpazi nel nordest. Quali furono i primi uomini ad abitarle? Come si formano le montagne? Durante il 1901 Lugeon[15] riesce ad ampliare le osservazioni di Schardt per tutte le prealpi svizzere. Atti soc Toscana sc. Tuttavia, alcune montagne si formano anche in seguito a eruzione vulcanica e a conseguente raffreddamento del magma. Introduzione dell'autore. Si afferma quindi il modello di De Beaumont, che spiega la formazione delle catene montuose come dovuta al progressivo raffreddamento e, quindi, alla progressiva contrazione della Terra. Nel 1971 vengono spiegate da Boccaletti[27] le polarità contrapposte delle Alpi e degli Appennini come dovute ad un cambio di subduzione da est ad ovest. Grazie a queste osservazioni, Suess intuisce la tangenzialità degli sforzi compressionali che contribuiscono alla creazione della catena, riprendendo un concetto già formulato da De Saussurre e da Elie De Beaumont. Sono state rifugio di ribelli e culla per molte lingue e culture. Geophysical research and the geology of the Alps, Post-collisional large-scale extension in the Eastern Alps, Description of the Western and Central Alps, Tectonic map and overall architecture of the Alpine orogen, The arc of the western Alps in the light of geophysical data on deep crustal structure, Geophysical-geological transect and tectonic evolution of the Swiss-Italian Alps, Western Alps geological constraints on western Tethyan reconstructions, Reconstruction of the evolution of the Alpine-Himalayan orogeny. Durante L' Oligocene ed il Miocene enormi sforzi tettonici hanno quindi iniziato a premere sui sedimenti marini della Tetide, spingendoli contro la placca di Eurasia . A Nordest si trovano depositi di avampaese (flysch e molassa) immergenti verso sud e con presenza di thrust al loro interno. Le Alpi sono il sistema montuoso più importante d'Italia e d'Europa, coprono un territorio di 1300 chilometri dal Colle di Cadibona, in Liguria, proseguendo verso est fino al Passo di Vrata in Croazia.L'imponenza dell'arco alpino la si può vedere dalle sue cime, alcune superano i 4000 metri e molte i 3000. Evidenze di vulcanismo risalente a questo periodo si ritrovano inoltre nell'area di Bolzano e nella formazione di Collio nelle Alpi Orobie. I valori della profondità raggiunta vengono facilmente calcolati in relazione alla coesite, minerale polimorfo del quarzo, che si forma solo a pressioni superiori ai 2-3 GPa, quindi compatibili con 70–100 km di profondità. Il processo (il passaggio) attraverso il quale si sono formate le montagne prende il nome di orogenesi. Per spiegare la presenza degli scisti blu, prima Martini (1972)[28] e poi Bocquet(1974)[29] ipotizzano la presenza di una subduzione verso est nella zona Brianzonese. Le maggiori vallate aprono nel diaframma delle Alpi piemontesi delle vere e proprie aperture che rendono la barriera alpina transitabile. Si ritrovano inoltre alcuni lineamenti sismici in profondità, che mostrano come gli stress siano ancora presenti. 7 Come e quando si sono formate Alpi e Appennini? Min. Questo bacino, che si trova in Svizzera ed in Baviera, prende il nome di bacino della Molassa. Si tratta della prima grande sintesi strutturale che guiderà i futuri studi di geologia alpina. Phys. Schardt H., (1893)- Sur L'origine des Préalpes romandes (zone du Chablais et du stockhorn). Le caratteristiche morgologiche delle Dolomiti sono sicuramente interessanti e studiando la roccia che compone queste montagne possiamo tracciarne anche la storia. Bull. La convergenza tra Africa ed Europa ha una storia relativamente breve, infatti, con l'apertura dell'Oceano Atlantico, avvenuta circa 100 Ma, l'Africa inizia a muoversi verso nordest. In ognuna, infatti, troviamo diversi gradi di metamorfismo, relazionabili con la loro genesi. Nel Sudalpino troviamo un evento metamorfico principale, di età permiana, che ha creato una zonazione decrescente verso est. Le Alpi sono la maggiore catena montuosa dell’Europa, con svariate cime oltre i 4000 metri nel settore centro-occidentale (tra cui il monte Bianco, 4807 m, la cima più elevata del continente). Sulle Alpi sono quindi presenti formazioni rocciose che in origine costituivano il fondale marino presente fra le due placche, spinto in alto dal loro movimento. Le Alpi si formano come risultato della collisione tra la placca africana e la placca europea, evento in cui si è chiuso l'oceano della Tetide. Lo scontro delle placche tettoniche spinge la crosta terrestre verso l’alto formando le cosiddette montagne. Contr. Appartenenti a questa serie sono: il granito di Baveno, il plutone di Montorfano, il plutone della Val Biandino ed il corpo basico d'Ivrea[5]. Tectonophysics, 7, 551-563. dewey J.F. Le catene montuose più alte del mondo si formano quando pezzi di placche chiamate crosta terrestre si sfasciano l’una contro l’altra in un processo chiamato tettonica a placche e si piegano come il cofano di un’auto in una collisione frontale. La parte della placca Apula che entra in collisione viene deformata intensamente, ed il materiale coinvolto in questo evento andrà successivamente a formare la falda Austroalpina ed il Sudalpino. Possono anche essere trovate delle intrusioni felsiche leggermente più giovani, risalenti alla fase estensionale del Triassico. Nel corso dei secoli noi uomini abbiamo abitato le valli, scalato le vette, trasformato queste montagne. Nei nostri giorni la placca Apula e la placca Europea continuano a convergere, facendo proseguire la formazione della catena montuosa. Vari autori (Decandia ed Elter[21];Laubscher[22]; Dewey e Bird[23]; Bezzi e Piccardo[24]) estendono l'interpretazione regionale ad aree più distanti: iniziano a riconoscere le ofioliti della Liguria come frammenti di vecchi oceani ormai completamente chiusi. 1 decennio fa. Res, 75, 2625-2647. Grazie all'erosione di questa antica catena ercinica, troviamo nel permiano dei depositi fluviali come arenarie e conglomerati (Ad esempio il Verrucano Lombardo nel Sudalpino). Nel regno delle Dolomiti, la leggenda narra che il figlio del re aveva sposato la figlia del re della luna. E quali insetti abitano sui ghiacciai? Come si sono formate le alpi?? Università Padova, 7, 84 p. Raguin E., (1930)- Haute-Tarentaise et Haute-Maurienne (Alpes de Savoie) Mem Serv. Nelle Alpi occidentali la falda elvetica può essere ritrovata a nord e ad ovest, a volte sotto klippe (relitti tettonici) di falde austroalpine, come nelle prealpi a sud del lago di Ginevra. Soc. Dato che il Giurassico è caratterizzato da un alto livello marino i vari oceani erano tra di loro collegati da mari poco profondi. Anche se non era veramente connesso, una penisola di crosta continentale della placca Africana, chiamata placca Apula è coinvolta nella divisione della Tetide e nelle prime fasi della formazione delle Alpi. Bocquet J., (1974) - Etudes mineralogiques et petrologiques sur les metamorphisme d'age alpin dans les Alpes françaises, These Univ. un disegno? 4,1,723-825. 9 Perché l'Italia è un territorio INSTABILE? Durante il Giurassico inferiore uno stretto oceano inizia a formarsi tra la parte settentrionale (Nord America ed Eurasia) e meridionale (Africa e Sud America) di Pangea. Con Geologia delle Alpi si intende la descrizione dell'orogenesi alpina e della struttura geologica della catena alpina. Si parla anche della stella alpina e dei minerali caratteristici: quarzo, pirite, oro. Quando alla fine del Giurassico la placca Apula inizia a muoversi verso la placca Europea si forma una fossa oceanica nella parte occidentale delle Alpi, ed al suo interno vengono depositati radiolariti e lutiti. Pfiffner, Geologie der Alpen (in german), Haupt Verlag, 2009. A cosa servono gli insetti? Come si sono formate le Alpi? & Bird J. M., (1970)-Mountain belts and the new global tectonics. Estratto dallo speciale di Alberto Angela dedicato alle Alpi. Neuchât. Strumenti -- Impostazioni visualizzazione compatibilità, "Includi elenchi aggiornati siti web da Microsoft". Entrambi gli oceani che si formano in questo periodo non saranno mai grandi come gli attuali oceani, le loro condizioni sono piuttosto assimilabili a quelle attuali del mar Rosso. ... avvenuto ottanta milioni di anni fa, della placca continentale africana con quella euroasiatica. Intorno a 200 milioni di anni fa i due continenti iniaziarono ad. Contemporaneamente alcuni geologi tedeschi, dopo aver riscontrato un grande numero di faglie verticali all'interno della catena, formulano la teoria della Tettonica verticale, che giustifica la formazione della catena unicamente con movimenti verticali e deformazioni fragili della crosta. Mitt.,52,257-276. Le Alpi italiane sono la parte della catena montuosa alpina che si estende nel territorio italiano, su una lunghezza di circa 1 200 km ed una superficie di circa 51 941 km², pari al 27,3% della superficie totale delle Alpi, comprendendo circa una ventina di sezioni, raggruppate tradizionalmente in tre grandi settori: Alpi occidentali, centrali ed orientali. Un triste destino però li accomunava, visto che il principe non avrebbe potuto sopportare l’intensa luce della luna mentre la principessa provava malinconia a causa delle cupe montagne e dei boschi ombrosi. Mem.Soc.Geol It, 10,53-63. Come si sono formate le Dolomiti. 12 Quale territorio italiano è più antico e stabile? La complessa evoluzione delle Alpi ha portato numerose sequenze e rocce ad essere metamorfosate. Durante la formazione alpina, infatti, l'intera falda pennidica verrà coinvolta da una subduzione che la farà sprofondare fino a 70–100 km di profondità sotto la superficie terrestre. In tempi antichi, i nostri antenati si sono avventurati sulle Alpi in cerca di cibo e riparo. Piattaforma continentale= fondale marino di scarsa pendenza che si estende fino a 200 m di profondità. La porzione est delle Alpi era in quel periodo all'interno dell'oceano della Paleo-Tetide. Dal 1908 inizia la pubblicazione dei primi fogli della Carta Geologica d'Italia con scala 1:100.000, carta che sarà alla base delle successive interpretazioni della catena. Bull Soc géol France, 3, 711-765. C.R.Acad.Sc. Boccaletti M., Elter P. & Guazzone G., (1971)-Polarità strutturali delle Alpi e dell'Appennino settentrionale in rapporto all'inversione di una zona di subduzione nord-tirrenica. Queste intrusioni, che si sono messe in posto a scarsa profondità, sono riconoscibili nella successione dei laghi, un'area che si estende da Ivrea-Verbano. A scuola ci insegnano i nomi delle Alpi, grazie anche alla frase “ma con gran pena le reca giù”, ma pochi forse ricordano che dalle catene montuose alpine, scendendo verso la pianura si trovano le PreAlpi, meno alte ma con tante montagne degne di nota. Alcune di queste sono profonde fino ai 600 m., quali per es. Il perenne candore delle cime è dovuto alle cave di marmo e gli antichi “ravaneti” (discariche di detrito di marmo), elementi che caratterizzano questo importante gruppo montuoso. Le montagne hanno avuto origini diverse. Il dominio Austroalpino è formato da una serie di falde che si sono impilate in età varisica e composte da sedimenti deposti durante l'Ordoviciano. Bezzi A. Durante l'evento varisico abbiamo il raggiungimento di facies a scisti verdi e anfibolitica; l'evento permiano triassico, caratterizzato da metamorfismo di alta pressione e bassa temperatura, consente invece il raggiungimento di facies; infine l'evento alpino segna il passaggio a metamorfismo di alta pressione, con facies a scisti verdi[6][7].

Dove Trovo Cop E Eer, Frasi Sui Fratelli Rap, Costa Fortuna Luglio 2020, Comune Di Agrigento Modulistica, Cup Rimini Orari, Formazione Milan Coppa Campioni 1963, Un Ritratto In Questa Posa Ha Un Occhio Solo, Ore Lavoro Insegnanti, Battisti Emozioni Chords, L' Essenziale Sanremo Video,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *